Eroica

Questa è la storia di come Unsasso, donna mite e serafica, si sia trasformata, con sommo stupore e compiacimento, in una feroce rompicoglioni all’occorrenza, ottenendo pure il risultato (in)sperato.

Premessa: da diversi anni Unsasso veniva contattata per telefono da (sciattissimi, peraltro) operatori di Enel Energia, essendo lei cliente Enel per la fornitura di gas in regime di “tutela” (il che significa, per i profani come lei prima dell’inizio di tutta questa storia, che il prezzo del gas è deciso dall’Autorità e fluttua in base al mercato), veniva contattata, dicevamo, perché passasse al mercato libero ovviamente con Enel Energia, con tariffe, a dire dell’operatore, ben più convenienti. In tutte quelle telefonate Unsasso aveva ringraziato e chiesto una mail in cui quelle meravigliose tariffe fossero messe in fila per iscritto, così come tutte le varie postille del caso, in modo da poterci ragionare con calma. No, si poteva fare solo per telefono. Allora no, grazie, aveva risposto Unsasso innumerevoli volte. E mica perché è così sgamata di suo, anzi, ché lei è la classica a cui vendono intere enciclopedie senza che nemmeno se ne accorga, ma perché Thestone, suo marito, che è persona diffidente per carattere e formazione, e (purtroppo) ne ha spesso ragione, l’ha nel tempo educata (con delicati cazziatoni ogni volta che ci cascava) ad evitare almeno le inculate più evidenti.

Si arriva così al fatidico 9 luglio, giorno in cui Unsasso, con un caldo micidiale e i due pargoli tendenti all’isterico non meno di lei, era impantanata a preparare valigie e carabattole varie per la partenza, fissata per il giorno dopo, per il successivo mese e mezzo di montagna + Grecia: un’operazione, credetela, niente affatto riposante. Nel bel mezzo di quel gran casino, suona il telefono. Buongiorno, Enel Energia. Ah che due maroni, pensa Unsasso esasperata. E invece, quale sorpresa? La solita irritante voce, questa volta, articola un discorso da non crederci: Chiamo solo per avvertirla che le stiamo spedendo per posta tutto il materiale contrattuale per passare al mercato libero del gas con Enel Energia: qualora fosse interessata dovrà solo compilare il modulo allegato e rispedircelo, per passare alla tariffa per lei più conveniente di tot euro al metto cubo eccetera. Va bene? Va bene, mandi pure, d’accordo. Incredibile, ha il tempo di pensare l’ingenua Unsasso, finalmente l’han capita! E invece.

27 luglio, il materiale è arrivato ma nessuno l’ha ancora degnato di uno sguardo (quando lo faranno sarà per constatare che non è affatto vero che passare al mercato libero è così più conveniente), la giornata è bella e Unsasso torna allegra dalla corsa. E prima che entri in doccia, la telefonata di Thestone: Ma perché mi è arrivato un SMS che mi avverte che il cambio di contratto richiesto ad Enel Energia è andato a buon fine?! Noi non abbiamo chiesto nessun cambio di contratto!!! Panico. Che cacchio hanno fatto ‘sti stronzi?! Telefono. Solita operatrice. Chiedo. Ma signora, in data 9 luglio qui risulta una registrazione vocale fatta da lei che ha valore contrattuale: il nuovo contratto partirà dal I agosto. Non l’hanno avvertita che stavano registrando? Non so cosa dirle, qui risulta. No, non può sentire la registrazione. No, non posso sentirla nemmeno io. No, non può farne un’altra che annulli la precedente. No, non può fare nulla, l’unica è rivolgersi a un avvocato. Ma guardi che però il nuovo contratto le conviene!

Una sempre più incredula Unsasso passa dallo smarrimento iniziale ad una incazzatura solenne, che peraltro l’operatrice rimbalza con maestria ben istruita. Quella maledetta del 9 luglio le aveva fatto dire un mucchio di e Certo e Va bene, che poi con ogni probabilità aveva utilizzato per montarli ad arte con la serie di domande precise che era tenuta a fare perché la sua registrazione di merda avesse il valore contrattuale desiderato. E senza ombra di dubbio NON le aveva detto che stava registrando la telefonata, primo requisito perché la registrazione abbia validità. Al suo indirizzo Unsasso lancia mentalmente le peggio maledizioni. Estorto un indirizzo mail alla furbona che in quel momento, più che aiutarla, sta cercando di convincerla che tutto era stato ordito per il suo bene, Unsasso scrive una mail di fuoco, della quale, va detto, è estremamente orgogliosa. Ovviamente, nessuna risposta.

Comincia così una serie di ulteriori telefonate inferocite, fax, raccomandate, ingiunzioni, diffide e minacce degne del più agguerrito studio legale. Unsasso si sente Erin Brockovich de noantri, un’eroica paladina del consumatore gabbato. 

Finché, un radioso mattino di agosto, una mail la ripaga delle sue fatiche: Enel Energia si rammarica dell’accaduto, e ha già provveduto a ripristinare il contratto proditoriamente (questo non c’era scritto) cambiato. Vittoria!! Incredula, Unsasso si sente veramente figa: ché non pensava proprio, che l’avrebbero ascoltata, e già si vedeva a doversi cercare un avvocato, sobbarcare parcelle stratosferiche e sciroppare la questione fino alla fine dei suoi giorni.

Unsasso vorrebbe rispondere ringraziandoli per averle procurato questa botta di autostima, ma prevale il ritegno. 

Annunci

24 pensieri su “Eroica

  1. brava, brava, brava. quella telefonata l’ho ricevuta pure io diverse volte. capisco il disappunto. a tutti quelli che passano di qua, vorrei rinforzare un concetto: mai rispondere con il monosillabo “sì” o con le frasi “va bene”, “d’accordo” ad un operatore di call center. capita che spesso, purtroppo, “più che l’onestà possa il digiuno”.

  2. Bravissima, ed eroica è la giusta definizione. Avrei fatto anche io così.
    Con me ci hanno provato venendo direttamente a casa, e li ho sempre mandati via (spesso c’era il mio compagno, che è come tuo marito, che ha talmente argomentato le sue motivazioni che li ha stancati, giuro! Erano loro ad avvicinarsi alla porta per andarsene). Via mercato libero!
    Adesso quando mi chiamano direttamente non rispondo: cambiano spesso numero ma ogni volta li blocco (ho solo cellulare, no fisso), che siano loro o gestori telefonici è uguale: non compro nulla e non cambio le mie condizioni, che mi vanno benissimo. 🙂

  3. Storie di questo tipo le ho già sentita raccontare, ma fanno paura. Ai tempi delle vendite di enciclopedie dovevi FIRMARE, magari ingannato dai più strani giri di parole. Qui non solo non hai firmato, ma non avresti nemmeno acconsentito, hanno solo manipolato la registrazione – e mi sembra un reato grave, anche se probabilmente non lo è più. Per giunta tutti sappiamo benissimo che tirare in ballo un avvocato – al di là delle spese – richiede anni eterni di procedura, quindi finisce che quasi sempre non se ne fa di niente.
    Non solo tutto quel che dici può essere usato contro di te, ma perfino quel che non dici – e da questo diventa davvero difficile difendersi.
    La mia tecnica è un garbato “No, grazie” appena riconosco il rumore del call center, seguito da una pronta chiusura della chiamata. La mia teoria è che, se l’offerta fosse davvero conveniente, la pubblicizzerebbero in un altro modo.
    Ma che tristezza.

    • Esatto. Non si vede perché se c’è tutta questa convenienza non ti forniscano materiali in abbondanza: evidentemente non c’è nulla di imperdibile, anzi. Tristezza proprio: non c’è nulla di civile in tutto ciò.

  4. Il tono del post è garbato, i tag mi sembrano più appropriati. Un comportamento fraudolento meriterebbe una condanna e/o una multa salata, in un paese civile.

    • Infatti. Ma in un paese civile sarebbe possibile denunciare l’accaduto e sperare in una certezza della pena per il colpevole in tempi umani. Qui, non è strada da prendere nemmeno in considerazione. Sob.

  5. Non so cosa ci convinse a tentare di cambiare il gestore telefonico per la linea fissa. Forse convinti dalla voce garbata e spiritosa dell’operatrice, forse il pensiero che fanno un lavoro così ingrato, un fondo di deprecabile buonismo, tariffe che sembrano molto più convenienti di Telecom, non lo so. Comunque sia, iniziammo l’iter. Vodafon ci mando’ l’e-mail con la dettagliata descrizione del contratto, ecc. Ma quando arrivò il contratto da firmare, scoprimmo che le cifre pattuite erano diverse, maggiorate. Non era questione di pochi euro, ma si cominciava proprio male, con un raggiro. Dopo una serie di telefonate che dire di fuoco è dire poco, mio marito comunicò che non avrebbe mai firmato un contratto con gente che riteneva palesemente disonesta. Poco dopo arrivò per posta la fattura, credo “per le spese di allacciamento ” o cose simili. Ovviamente non pagammo la fattura e consegnammo tutto il materiale all’associazione consumatori, che disse di non preoccuparci e mise la nostra pratica sul mucchio di pratiche analoghe. Devo dire però che questo fatto servì a convincere Telecom a proporci un contratto più vantaggioso. Per la serie: non tutti i mali vengono per nuocere.
    Per molto tempo un gentile operatore Vodafon continuò a chiederci se eravamo soddisfatti del servizio. ……

  6. Enel Energia sono farabutti, da sempre. Vengono anche porta a porta e usano le parole in maniera fraudolenta, apposta per ingannare vecchiette. Chiunque li mandi a fare in culo lo fa per principio anche a nome mio, dunque grazie!

  7. Associazione consumatori, sempre. A me fece uno scherzetto del genere fastweb: laudato sempre sia il servizio di assistenza legale di Altroconsumo.

  8. Sai che quando rispondo a questa gente ho paura ormai a pronunciare qualcosa che assomigli anche da lontano a un “sì”?
    – Scusi, lei è LaVostraProf?
    – Chi parla?
    – Enelvodatimcazzoenergia, le è LaVostraProf?
    – Può darze
    – Può darze?
    – Può darze.
    – Posso parlare?
    – Proceda.
    – Lei ha un telefono?
    – Ho un telefono
    e così via.
    E’ faticosissimo, ma il timore è proprio quello: basta dire un sì di passaggio, e ti fregano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...