I have a dream

Sarà perché alla lunga mi risulta faticoso star sempre lì a vigilare su quello che dico e come lo dico, su come mi comporto e quali meccanismi metto in atto (infatti spesso mi dimentico di farlo e dico cose di cui mi pento); sarà perché comunque non è umanamente possibile farlo in modo proprio esaustivo (e d’altra parte uno che agisce sempre nel pieno controllo di sé non lo so se risulti poi simpaticissimo); sarà perché non sopporto quelli che sono del tutto inconsapevoli di certe incoerenze nel loro modo di condursi, completamente incapaci di guardarsi da fuori, e il solo pensiero che naturalmente sono anche io esposta a simili chiamiamole “cadute di stile” mi atterrisce.

Ma ho questo sogno: per una settimana all’anno, tu non sai quando e come avverrà neppure mentre sta avvenendo, un esperto (psicologo? sociologo? esorcista? veterinario?) ti osserva durante tutte le tue interazioni sociali – al lavoro in famiglia alle poste dal panettiere – da quando ti alzi al mattino a quando ti addormenti la sera (ecco magari tralasciando un certo tipo di interazioni…), e al termine della settimana ti chiama e ti racconta quello che ha visto (magari ha pure dei filmati!), ti aiuta a darne lettura, a smascherare gli inghippi, a identificare i punti deboli e i mezzi per migliorare. Obbligatorio. Per tutti, dai 18 anni in su.

Non riesco a capire se è un’idea geniale che potrebbe migliorare il mondo o un parto della mia sindrome della prima della classe.

Annunci